Pronti alla GUERRA VALUTARIA?

La-Banca-Centrale-Svizzera-sgancia-il-Franco-e-lEuro-precipita-by-Mercati-e-Investimenti-.-it

Il 15 Gen. 2015 sarà ricordato nella storia come quel giorno in cui la Svizzera, tramite la sua SNB (Swiss National Bank), con un colpo di mano, o meglio di click, ha dato avvio a quella che io chiamo: GUERRA VALUTARIA!

Ho seguito il  recente dibattito che si è tenuto a Washington, a cui erano presenti il mio stimatissimo premier britannico Cameron, il presidente della Fed Janet Yellen, Kack Lew segretario al Tesoro Usa e C. Lagarde presidente FMI. Come da me medesimo affermato in vari articoli, anche la Lagarde ha spezzato una lancia in favore del Regno Unito, definendolo uno dei pochi paesi che sta trainando la crescita globale, unitamente agli USA. Inoltre, ha dichiarato che l’economia globale è alle prese con quattro grandi rischi, che vorrei condividere con voi:

1-Super asincronia nelle politiche delle banche centrali, cioè l’assenza di sincronia emergerà a breve con la Fed che dovrebbe alzare i tassi per la prima volta dal 2006 e la Bce e la Bank of Japan che dovrebbero invece adottare o mantenere decisioni di politica monetaria permissive.

2-Il triplo colpo, a carico delle economie emergenti e in via di sviluppo, a causa dei:

  • Tassi di interesse più elevati;
  • Apprezzamento del dollaro;
  • Flussi di capitale più volatili.

3-Bassa inflazione e bassa crescita in Eurozona e Giappone.

4-Crisi geopolitiche in paesi come Ucraina e in aree come quelle del Medio Oriente.

La Lagarde ha affermato che, per combattere tali rischi, i governi devono fare di più per avviare riforme strutturali, ripetendo la richiesta dell’Fmi d’investire in modo più incisivo sulle infrastrutture e di incoraggiare la liberalizzazione del commercio. I governi devono adottare un approccio che lei ha chiamato “nuovo multilateralismo”,

La Lagarde è rimasta sbigottita e visibilmente turbata dagli avvenimenti occorsi il 15 Gen. ed ha parlato anche lei di enormi strascischi che la cosa ha generato e genererà in futuro. Vendetta? Mah, vedremo!

Infatti, è caos totale tra gli operatori del mercato forex, bancario ed assicurativo.

Un esempio per tutti è Alpari, UK Broker Forex, che ha ufficialmente presentato istanza di fallimento e la regolamentazione UK non transige. L’accaduto è stata una coltellata al business britannico, che ha registrato perdite superiori ai conti capitale di molti clienti e gestori, a causa dell’impossibilità di chiudere Stop Loss in movimenti così repentini. E molti che pensano che lo Stop Loss sia un freno a mano,SBAGLIATO! Le uniche “pseudo sicurezze” nel mercato Forex sono conferite dall’utilizzo di:

  • Basse leve finanziarie in più conti normo capitalizzati, e lo dico da sempre;
  • Conti attagliati alle esigenze del proprio Trading System;
  • Pochi entry trade;
  • Time Frame sempre più alti (Noi utilizziamo ormai SOLO il Weekly);
  • Prelievi periodici, una volta a trimestre, semestre.

Queste dovranno essere le regole da ora in avanti perchè parlare di sicurezze in ambti forex è paradossale e per tale motivo, io l’elmetto l’ho già indossato ed attendo solo la “chiamata alle armi”.

Essendo poi di parte, riteniamo preoccupanti le condizioni di FXCM, le cui perdite ammonterebbero ad un ben più rilevante importo di 225 milioni di dollari dichiarati, anche se sembrerebbe esser al momento tutto rientrato.

Vorrei spezzare una lancia a favore del nostro secondo Broker, lo svizzero Dukascopy che, a sorpresa, tramite popup in piattaforma, la sera del 15 Gen. ha comunicato a tutti i clienti che avrebbe ridotto automaticamente la leva ad 1:10 sul cross Eur/Chf, io questa la chiamo professionalità e volevo pubblicamente esternarlo!

currency-war_cartoon

Infine, la “Currency war” è stata dichiarata, il caos è iniziato e qualcun altro ci rimetterà certamente la pelle. Il nostro dovere l’abbiamo fatto, consigliandovi di difendervi adeguatamente con le circostanziate abitudini che adottiamo e che vorremmo tutti seguissero perchè una giornata di panico potrebbe anche rivelarsi come una giornata da record, come è successo per noi!

Grazie per l’attenzione e qualora volessi informazioni sul nostro percorso completo, non dovrai fare altro che contattarmi su locotony@hotmail.it

Tony TTF

condividi la pagina sui tuoi social
Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Categorie
Shares